Stampa

Dal 01/07/2018 stop al pagamento in contanti delle retribuzioni

A decorrere dal 1 luglio 2018 i datori di lavoro e anche i committenti dovranno obbligatoriamente corrispondere le retribuzioni o i compensi ai lavoratori esclusivamente mediante i seguenti sistemi di pagamento tracciabili:
- bonifico bancario su c/c identificato dall’iban del lavoratore;
- pagamenti in contanti presso sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia aperto conto corrente di tesoreria con mandato di pagamento;
- assegno consegnato direttamente al lavoratore o a suo delegato in caso di impedimento; si precisa che il delegato potrà essere solo il coniuge, il convivente o un familiare in linea retta o collaterale del lavoratore, non minore di 16 anni;
- strumenti di pagamento elettronico.
I datori di lavoro o committenti pertanto non potranno più corrispondere ai lavoratori la retribuzione in denaro contante.
Detta normativa esclude il lavoro domestico e le pubbliche amministrazioni.
Il mancato rispetto del disposto di legge prevede una sanzione amministrativa da 1.000,00 a 5.000,00 euro.
La sottoscrizione da parte del lavoratore del cedolino paga non costituirà più pertanto prova del pagamento della retribuzione.
Per maggiori info è possibile contattare gli uffici paghe di Confagricoltura.

Lavoro accessorio 600x366

UK Bookamekrs http://gbetting.co.uk Free Bets

Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso cookies.

Io accetto i cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information