Newsletter Confagricoltura Venezia n. 17 del 27/04/18

This email contains graphics, so if you don't see them, view it in your browser.

venezia

 Copertina Fossati

Newsletter n. 17 del 27/04/18

Indice:

  1. Un nostro pensiero sulla scomparsa del dott. Camillo Pasti;
  2. Nuovo regolamento europeo sul biologico: una norma che rischia di snaturare il settore;
  3. Il vino biologico veneto: on-line una nuova pubblicazione;
  4. Pagamento accoppiato colture da seme;
  5. Suinicoltura: servono misure specifiche per rilanciare il settore produttivo;
  6. Istituita l'anagrafe degli allevamenti di conigli, di chiocciole e di altre specie;
  7. MUD e SISTRI: riepilogo degli adempimenti;
  8. Lavoro in agricoltura: appalto di servizi genuino;
  9. Radicchio di Chioggia IGP, crollo della produzione primaverile;
  10. Recapiti difesa integrata maggio 2018 - Settore orticolo e frutticolo;
  11. Partecipazione Confagricoltura al Cibus dal 7 al 10 maggio 2018;
  12. Workshop “Dalla Terra alla Terra – La sostanza organica per il suolo” - Este 30 aprile;
  13. Il lancio pubblicitario di Anga firmato dall’istituto grafico di Vicenza.
 

DEAR Visitatore,

UN NOSTRO PENSIERO SULLA SCOMPARSA DEL DOTT. CAMILLO PASTI

Camillo Pasti

Sabato scorso è mancato all'affetto dei suoi cari il dott. Camillo Pasti.
Proveniente da una famiglia di proprietari terrieri, era nato a Caprino Veronese nel 1928, e nel 1951 aveva conseguito la laurea in Scienze Agrarie presso l’Università di Padova.
Il suo impegno imprenditoriale si è manifestato nella gestione di importanti aziende agricole e nell’attività all’interno dell’organizzazione professionale e di altri enti del settore.
Per il Veneto Orientale, e non solo, una figura carismatica, un uomo autorevole ed un imprenditore illuminato, un punto di riferimento, stimato e rispettato da tutti.
Tra i vari incarichi che ha ricoperto ricordiamo il suo mandato come Presidente del Consorzio di Bonifica del Basso Piave, incarico che si è contraddistinto per la lungimiranza nelle scelte.
Quando lo si incontrava si provava un timore reverenziale per quell'aura di autorevolezza che sempre lo seguiva, ma era una persona semplice e gentile, con humour all'inglese e pacatezza nei toni e nel linguaggio.
Durante le riunioni in Associazione veniva sempre richiesta la sua opinione, perché solo dopo che Camillo aveva espresso il suo parere, l'assemblea poteva decidere. Era così per gli astanti, giovani e meno giovani, che ascoltavano con interesse la sua saggia eloquenza.
Ci mancherà.

 
 

NUOVO REGOLAMENTO EUROPEO SUL BIOLOGICO: UNA NORMA CHE RISCHIA DI SNATURARE IL SETTORE

biologico

Sono state approvate dall'Europarlamento le nuove norme Ue sulla produzione e commercializzazione dei prodotti da agricoltura biologica. Contro le nuove norme sul bio, che saranno applicabili a partire dal 2021, si sono schierati gli eurodeputati italiani, sostenuti dalla Confagricoltura.
I motivi della contrarietà sono sostanzialmente due.
Il primo riguarda la possibilità data dal regolamento di coltivare i prodotti bio anche senza seminarli su terra, ma su bancali in serra (richiesta dai Paesi del Nord Europa) facendo perdere così la naturale difesa della biodiversità, uno dei cardini stessi dell’agricoltura biologica. Altrettanto grave è che il regolamento consenta, senza alcun rispetto per il consumatore e il produttore, di vendere prodotti biologici contaminati accidentalmente da pesticidi.

 
 

IL VINO BIOLOGICO VENETO: ON-LINE UNA NUOVA PUBBLICAZIONE

biologico vino bio

Veneto Agricoltura, in collaborazione con Regione del Veneto e AVEPA, ha approfondito il tema della vitivinicoltura biologica veneta attraverso un'indagine che ha coinvolto un campione di 263 aziende operanti nella produzione di uva e nella trasformazione/commercializzazione di vino bio.
La pubblicazione, che è stata presentata pochi giorni fa al Vinitaly, è ora disponibile on-line.
Scarica la pubblicazione

 
 

PAGAMENTO ACCOPPIATO COLTURE DA SEME

Confagricoltura, dopo la presa di posizione del Mipaaf di escludere dal premio accoppiato (ex. art. 52 Reg. UE 1307/2013) le colture da seme di soia, riso e grano duro, ha ritenuto di dover sollevare la questione direttamente al Presidente del Consiglio Gentiloni, nella sua veste di Ministro ad interim per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali, con una lettera a firma del presidente confederale Massimiliano Giansanti.
"Tale esclusione - scrive il presidente - arreca grave danno agli operatori del settore in quanto è stata adottata senza alcuna preventiva informazione, inoltre appare una decisione ingiustificata sul piano giuridico. Confidiamo perciò che la questione trovi presto soluzione in maniera da avere un quadro giuridico chiaro in vista delle domande di pagamento accoppiato per le colture da seme."

 
 

SUINICOLTURA: SERVONO MISURE SPECIFICHE PER RILANCIARE IL SETTORE PRODUTTIVO

Suinicoltura norme comunitarie Nanni Costa norme 3 1112x833

La suinicoltura è una risorsa importante e rappresentativa della nostra economia, introdotta per la prima volta dai benedettini nella pianura Padana, che da sempre convive con l’uomo e contribuisce a soddisfare le richieste crescenti di carne, una delle sfide più importanti del pianeta. Confagricoltura, alla luce dell’attenzione crescente dei media sul comparto, fa il punto sul settore suinicolo italiano, sottolineando come la lunga crisi abbia fatto perdere il 20% del nostro potenziale produttivo, aumentando l’importazione di capi, carne e suinetti dai paesi Ue ed extra Ue.

 
 

ISTITUITA L'ANAGRAFE DEGLI ALLEVAMENTI DI CONIGLI, DI CHIOCCIOLE E DI ALTRE SPECIE

elicicoltura

Lo scorso 17 aprile è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto concernente l’istituzione e regolamentazione dell’anagrafe zootecnica dei lagomorfi (conigli, esclusi quelli da affezione) nonché degli allevamenti di elicicoltura e di alcune specie di artiodattili (vedi elenco di seguito).
Gli adempimenti conseguenti all'istituzione dell’anagrafe saranno attuati in maniera da consentirne l’operatività entro sei mesi dall'entrata in vigore del decreto. Le principali finalità dell'anagrafe sono:
a) tutela economico-sanitaria e valorizzazione del patrimonio zootecnico;
b) supporto nella trasmissione di informazioni sullo stato sanitario delle aziende e degli allevamenti;
c) tutela del consumatore.

 
 

MUD E SISTRI: RIEPILOGO DEGLI ADEMPIMENTI

rifiuti Agricoli

Si ritiene utile riportare la normativa vigente in merito alle prescrizioni della dichiarazione MUD e del sistema di tracciabilità di rifiuti SISTRI.
1) MUD
Per quanto riguarda le imprese agricole di cui all’articolo 2135 del c.c. si ricorda che l’articolo 69 del Collegato ambientale, entrato nel 2016, ha previsto la possibilità di semplificare l’obbligo della Comunicazione MUD e della tenuta dei registri di carico e scarico tramite la sola conservazione progressiva dei Formulari di trasporto (F.I.R.); ciò indipendentemente dal numero di dipendenti e/o dalla presenza o meno del “circuito organizzato di raccolta” in ragione del fatto che si tratta di attività economiche a ridotto impatto ambientale nella produzione di rifiuti.
Su tale semplificazione non ci sono variazioni rispetto allo scorso anno, per cui rimane valida anche con riferimento al MUD 2018, in scadenza al 30 aprile 2018, riferito ai rifiuti prodotti nell’anno 2017.
A supporto di ciò si ricorda che nel 2016 è intervenuto per dirimere definitivamente la questione anche un parere del Ministero dell’Ambiente, sollecitato da Confagricoltura nell’ambito di Agrinsieme, che ha chiarito l’ambito di applicazione della norma.

 
 

LAVORO IN AGRICOLTURA: APPALTO DI SERVIZI GENUINO

Lavoro accessorio 600x366

Il ricorso all'appalto a società cooperative e ad altri tipi di società di servizi è sempre più frequente anche nell'ambito delle aziende agricole. Le contestazioni che spesso vengono mosse dagli organi ispettivi (Ispettorato nazionale del lavoro) a tale modalità di fornitura di lavoro impone alle imprese di prestare molta attenzione nell'impiego dell'istituto dell'appalto, in quanto si può facilmente cadere nella "somministrazione illecita" di manodopera, oltre a correre il rischio di essere accusati di sfruttamento dei lavoratori, con conseguenti risvolti di carattere penale. Quest'ultimo rischio è elevato quando si cerca di appaltare un'attività o un servizio a basso costo, per cui è probabile che i lavoratori vengano retribuiti a livelli decisamente inferiori rispetto alle paghe previste dai contratti collettivi di lavoro a cui le ditte appaltatrici dovrebbero invece fare riferimento.

 
 

RADICCHIO DI CHIOGGIA IGP, CROLLO DELLA PRODUZIONE PRIMAVERILE

Il “Burian” a febbraio e un andamento climatico fortemente perturbato, con basse temperature, piogge, vento e neve, protrattosi fino a qualche giorno fa, stanno determinando un considerevole calo dei conferimenti di Radicchio di Chioggia IGP precoce primaverile all’Ortomercato di Chioggia. Dato che, a seguito di questo maltempo, le coperture protettive sono state tolte una decina di giorni dopo rispetto alla norma, qui si aspettavano che ciò avrebbe determinato solo qualche giorno di ritardo nell’avvio della raccolta, che generalmente avviene ai primi di aprile. Raccolta e conferimenti all’Ortomercato sono, infatti, iniziati nella seconda settima di aprile, ma inaspettatamente in quantità estremamente esigue, con una riduzione fino all’80% rispetto l’anno scorso: si è passati dai 10.000 quintali posti in asta nelle prime due settimane del 2017 ai 2.000 quintali di quest’anno.

 
 

RECAPITI DIFESA INTEGRATA MAGGIO 2018 - SETTORE ORTICOLO E FRUTTICOLO

Si informa che nel sito dell'U.O. Fitosanitario della Regione Veneto è disponibile l’elenco dei recapiti di maggio 2018, relativi alla Difesa integrata settore orticolo e frutticolo.

 
 

PARTECIPAZIONE CONFAGRICOLTURA AL CIBUS DAL 7 AL 10 MAGGIO 2018

Confagricoltura partecipa alla 19esima edizione di Cibus, che si svolgerà a Parma dal 7 al 10 maggio prossimo.
Lo Stand istituzionale è posizionato nell’Area Esterna Est - Stand AE11 di fronte all’ingresso Est, davanti al padiglione 2, è strutturato con un’area di accoglienza e un ampio spazio esterno per offrire ospitalità ai nostri imprenditori.
Quanti volessero utilizzare lo spazio per valorizzare i propri prodotti, possono richiedere maggiori informazioni all’indirizzo clarissa.gulotta@confagricolturaveneto.it

 
 

WORKSHOP "DALLA TERRA ALLA TERRA - LA SOSTANZA ORGANICA PER IL SUOLO" - ESTE 30 APRILE

suolo

In occasione della Festa dell’Agricoltura, manifestazione dedicata ai lavoratori e alle associazioni di categoria del mondo agricolo, che si svolgerà a Este (PD) dal 29 aprile al 1 maggio, S.E.S.A. Spa in collaborazione con il Comune di Este e il Consorzio Italiano Compostatori organizza il workshop “Dalla Terra alla Terra – La sostanza organica per il suolo”
L’incontro si terrà lunedì 30 aprile a Este presso il Chiostro delle Consolazioni in Via Francesconi 2. Grazie al contributo di ARPAV e dell’Università di Padova, si discuterà sull' importanza della risorsa suolo e su come intervenire per mantenere il terreno in uno stato di salute e fertilità adeguate e conformi ad una gestione sempre più orientata alla sostenibilità ambientale.
Scarica il programma completo

 
 

IL LANCIO PUBBLICITARIO DI ANGA FIRMATO DALL'ISTITUTO GRAFICO DI VICENZA

anga logo

La nuova campagna regionale dei giovani di Confagricoltura porterà la firma dei ragazzi della classe terza, indirizzo grafico, del centro di formazione professionale San Gaetano di Vicenza. Sono stati realizzati dagli studenti berici, infatti, il dépliant e i volantini che serviranno a promuovere l’Anga, l’associazione che raggruppa gli under 40 dell’organizzazione agricola. Un sodalizio tra il mondo della grafica e quello dell’agricoltura nato con l’obiettivo di valorizzare le potenzialità giovanili, mettendole all’opera su progetti concreti per fare esperienze utili al loro percorso professionale futuro.

 
Not interested any more?

 

Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso cookies.

Io accetto i cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information