Newsletter Confagricoltura Venezia n. 7 del 16/02/18

This email contains graphics, so if you don't see them, view it in your browser.

venezia

 copertine siepe

Newsletter n. 7 del 16/02/18

Indice:

  1. Vigneti: approvato il DM per le nuove autorizzazioni del 2018;
  2. Avvio corsi obbligatori sicurezza lavoratori;
  3. Opportunità di formazione finanziata tramite FOR.AGRI;
  4. URGENTE - Nuovi bandi PSR: raccolta manifestazioni d'interesse per adesione a progetti collettivi a carattere ambientale;
  5. Prorogato il Piano faunistico–venatorio;
  6. Nuove regole di detrazione IVA acquisti;
  7. Ape volontaria: domanda all'Inps per lasciare prima il lavoro;
  8. Scatta l'obbligo di indicazione dell'origine in etichetta per il riso e la pasta;
  9. Etichettatura degli alimenti: sanzioni fino a 40mila euro;
  10. Accordo Confagricoltura – MPS;
  11. Sconti e promozioni FCA per i soci Confagricoltura;
  12. Convegno mais - Cavarzere 22 febbraio;
  13. Il turismo veneto incontra l’agriturismo – Mestre 26 Febbraio.
 

DEAR Visitatore,

VIGNETI: APPROVATO IL DM PER LE NUOVE AUTORIZZAZIONI DEL 2018

vigneto impianto

Il Decreto Ministeriale di modifica del DM n. 12272 del 15 dicembre 2015 sulla gestione delle autorizzazioni agli impianti vitati è stato approvato nei giorni scorsi ed è pubblicato sul sito MIPAAF. L’articolato introduce alcuni elementi correttivi che riportiamo di seguito.
1. Introduzione della garanzia di una superficie minima di assegnazione alle Regioni pari a 10 ettari (novità finalizzata solo per la regione Valle d’Aosta).
2. Introduzione di tre criteri di priorità che ciascuna regione può adottare.
3. Inserimento di un limite massimo per domanda di 50 ettari con possibilità da parte delle Regioni di individuare soglie inferiori.
4. Nel caso di richieste superiori alla superficie disponibile, le Regioni possono rilasciare a tutti i richiedenti una superficie compresa tra 0,1 e 0,5 ettari. La scelta sarà effettuata entro 10 giorni dopo la chiusura delle domande.

 
 

AVVIO CORSI OBBLIGATORI SICUREZZA LAVORATORI

LAVORO AGRICOLTURA 600x400

Ricordiamo che è obbligo del datore di lavoro assicurare che i dipendenti ricevano una formazione sufficiente ed adeguata in materia di salute e sicurezza. Ciò si traduce con la partecipazione dei lavoratori (se presenti in azienda per oltre 50 giornate all'anno) a specifiche attività formative che prevedono, per gli operai agricoli, 12 ore di lezione. La formazione specifica ha validità di 5 anni e deve essere rinnovata attraverso apposito corso di aggiornamento di 6 ore.
I prossimi corsi in programa sono a Mestre (19 e 21 febbraio, base e aggiornamento) e Portogruaro (metà marzo, base e aggiornamento).
Per adesioni è possibile contattare il referente per la formazione dott. Ivano Marcorin (041 980000 - ivano.marcorin@agricoltorive.it), inviando la scheda di adesione scaricabile dal nostro sito.

 
 

OPPORTUNITA' DI FORMAZIONE FINANZIATA TRAMITE FOR.AGRI 

formazione corso gestione impresa 780x480
Attraverso il Fondo Interprofessionale FOR.AGRI. sarà possibile finanziare percorsi formativi mirati per le aziende agricole aderenti al fondo.Cosa finanzia? Tutta l’attività formativa che riguarda lo sviluppo delle imprese, il sostegno alla loro competitività, introduzione all’innovazione. Tra queste si segnalano anche corsi rivolti all’internazionalizzazione, allo sviluppo delle filiere produttive, alla tutela e salvaguardia ambientale, alle riconversioni aziendali, all’estensione delle produzioni biologiche, all’introduzione di tecniche e tecnologie innovative.
A chi è rivolta la formazione? Ai lavoratori dipendenti.
Tempi di presentazione e avvio corsi. Le proposte progettuali mediante gli Avvisi FOR.AGRI., si possono presentare in due periodi annuali: 1° scadenza – marzo/aprile, 2° scadenza – settembre/ottobre.

 
 

URGENTE - NUOVI BANDI PSR: RACCOLTA MANIFESTAZIONI D'INTERESSE PER ADESIONE A PROGETTI COLLETTIVI A CARATTERE AMBIENTALE

fascia tampone

La misura 16.5.1 del nuovo bando del Piano di sviluppo rurale prevede la possibilità di presentare progetti collettivi a carattere ambientale. Le singole aziende, aderenti a tali progetti collettivi, in particolare potranno realizzare gli interventi previsti dalle misure 4.4.2: impianti di nuovi corridoi ecologici arboreo-arbustivi (siepi e fasce tampone), boschetti ed operazioni aziendali di riqualificazione della rete idraulica minore e 4.4.3: strutture funzionali alla diffusione della fauna selvatica (nidi artificiali, barriere, tunnel di attraversamento e passaggi sicuri per la fauna, realizzazione o ripristino di muretti a secco) e creazione di zone umide.
Le aziende che metteranno in atto tali interventi dovranno poi aderire, per un quinquennio, alle misure del PSR che prevedono pagamenti agroclimatici ambientali 10.1.3, per le siepi fasce tampone e boschetti ed alla misura 10.1.6 per il mantenimento di prati umidi e zone umide, per la semina di colture a perdere e per la conversione a prato di superfici a seminativo percependo i relativi aiuti previsti.
I soggetti preposti alla predisposizione di tali progetti collettivi sono stati individuati dalla regione nei Consorzi di Bonifica competenti per territorio; in questa fase è pertanto necessario ed urgente che gli agricoltori interessati comunichino al proprio Ufficio zona di Confagricoltura l'eventuale loro interesse a partecipare affinchè noi possiamo presentare ai Consorzi un'elenco di aziende potenzialmente disponibili ad attuare una o più azioni previste dal bando.
I consorzi presenti nel territorio sono:
- Consorzio di bonifica Veneto Orientale
- Consorzio di bonifica Acque Risorgive
- Consorzio di bonifica Bacchiglione
- Consorzio di bonifica Adige Euganeo
- Consorzio di bonifica Adige Po
- Consorzio di bonifica Delta del Po

 
 

PROROGATO IL PIANO FAUNISTICO-VENATORIO

caccia cartello fondo chiuso

Si comunica che la Regione Veneto ha prorogato al 10 febbraio 2019 la validità del vigente Piano Faunistico-Venatorio Regionale 2007/2012 (PFVR 2007/2012).
Si tratta della sesta proroga da quando il piano è stato approvato per la prima volta con la legge 5.1.2007, n.1.
Questa ennesima proroga cristallizza ancora per un anno – e in totale saranno dodici – la situazione di impossibilità da parte dei proprietari o conduttori dei fondi di chiedere l’esclusione del fondo dall’attività venatoria, dal momento che l’art. 15, c.3, della legge statale 11.2.1992, n.157, stabilisce che tale richiesta deve essere inviata al presidente della Giunta regionale entro 30 giorni dalla pubblicazione del piano faunistico-venatorio.
Questa situazione è tanto più grave perché il mondo agricolo si attendeva, dal nuovo piano faunistico-venatorio, una risposta soddisfacente, innovativa e di carattere generale, sul problema degli indennizzi dei danni da fauna selvatica e da attività venatoria.

 
 

NUOVE REGOLE DI DETRAZIONE IVA ACQUISTI

fatturazione elettronica

Il Decreto Legge n. 50 del 2017 ha introdotto nuove regole sulla detrazione dell'IVA acquisti e l'Agenzia delle Entrate, con circolare del 17/1/2018, ha fornito specifici chiarimenti. Da quest'anno per la detrazione dell'IVA ci sono tempi più brevi e diventa importante la data di ricevimento delle fatture dai propri fornitori.

 
 

APE VOLONTARIA: DOMANDA ALL'INPS PER LASCIARE PRIMA IL LAVORO

disoccupazione come fare domanda per la disoccupazione agricola

E’ stata aperta nei giorni scorsi l’Ape volontaria con la possibilità di presentare domanda all'Inps, per andare in pensione anticipata con il prestito concesso dalla banca e l'obbligo di restituirlo con gli interessi nell'arco di vent'anni. Il meccanismo è retroattivo e include chi ha maturato i requisiti entro il 1° maggio 2017, mentre i primi pensionamenti anticipati sono previsti per maggio. Possono fare richiesta di Ape volontaria i lavoratori che non hanno potuto usufruire dell'Ape social, riservata a 15 categorie di lavoratori impiegati in settori usuranti. Per poter accedere all'Ape volontaria è necessario aver già compiuto 63 anni entro il 1° maggio scorso ed è necessario maturare la pensione di vecchiaia entro 3 anni e sette mesi dalla data di domanda di Ape. Una volta ottenuta la certificazione, da parte dell'Inps, si fa domanda di uscita anticipata scegliendo l'istituto finanziario e l'impresa assicuratrice che dovranno erogare il finanziamento. Il debito va restituito nell'arco di 20 anni e l'Ape volontaria può essere chiesta anche se si continua a lavorare.

 
 

SCATTA L'OBBLIGO DI INDICAZIONE DELL'ORIGINE IN ETICHETTA PER IL RISO E LA PASTA

Sono entrati pienamente in vigore i decreti ministeriali sull’origine obbligatoria in etichetta per riso e pasta nel solco di quanto fatto per latte e derivati.
Le indicazioni sull'origine dovranno essere apposte in etichetta in un punto evidente e nello stesso campo visivo in modo da essere facilmente riconoscibili, chiaramente leggibili ed indelebili.
I decreti restano in vigore fino alla piena attuazione dell'articolo 26, paragrafo 3, del regolamento (UE) n. 1169/2011 che prevede i casi in cui debba essere indicato il paese d'origine o il luogo di provenienza dell'ingrediente primario utilizzato nella preparazione degli alimenti, subordinandone l'applicazione all'adozione di atti di esecuzione da parte della Commissione, che ad oggi non sono stati ancora emanati.

 
 

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI: SANZIONI FINO A 40MILA EURO

etichettatura alimentare 600x386

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’8 febbraio 2018 il decreto legislativo 15 dicembre 2017, n. 231 che reca la disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni relative alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori.
Il provvedimento entra in vigore il prossimo 9 maggio 2018.
Le sanzioni, per le imprese alimentari che non indicheranno correttamente gli allergeni nelle etichette, arriveranno fino a 40mila euro. Stessa sanzione per le aziende che vendono alimenti oltre la data di scadenza. In generale, le pene sono più pesanti, ma esistono posizioni che si alleggeriscono grazie alla nuova normativa: ad esempio la riduzione del 30% della sanzione in caso di pagamento entro 5 giorni dalla contestazione.

 
 

ACCORDO CONFAGRICOLTURA - MPS

E’ stato rinnovato l’accordo sul credito fra Confagricoltura e Banca Monte dei Paschi di Siena SpA, Questo nuovo accordo prevede, oltre ad un aggiornamento delle condizioni creditizie concedibili, una rivisitazione ed ampliamento delle tipologie di finanziamento offerte alle imprese agricole associate a Confagricoltura. La convenzione, che continua ad essere riservata ai nostri associati, nella sua nuova veste è stata fra l’altro già attivata sull’intera Rete Filiali di MPS. Per accedere all’accordo e alle condizioni di favore sarà sufficiente, pertanto, all’impresa dichiarare di essere interessati ad aderire alla convenzione Confagricoltura ed esibire un documento a comprova dello “status” di impresa associata a Confagricoltura.
Scarica la scheda con le condizioni e i vantaggi

 
 

SCONTI E PROMOZIONI FCA PER I SOCI CONFAGRICOLTURA

Confagricoltura ha rinnovato anche per il 2018 la convenzione con FCA-FIAT. Grazie all’accordo siglato sono previste condizioni favorevoli e sconti per l’acquisto di autovetture e veicoli commerciali riservate ai soci Confagricoltura.
Scarica l’elenco dei modelli e delle promozioni

 
 

CONVEGNO MAIS - CAVARZERE 22 FEBBRAIO

Silimbani

Giovedì 22 febbraio, alle ore 9.00 presso Palazzo Silimbani (via Grignella 103/a, Cavarzere), si svolgerà il convegno sul mais STRATEGIE INNOVATIVE PER RESA, SANITA’ E REDDITIVITA’
Introduzione
Un breve saluto da parte di:
Romano Silimbani - Presidente Confagricoltura Mandamento Cavarzere-Cona
Arnaldo Bovolenta - Produttore Sementi Polesani
Prima parte. Le soluzioni tecniche
Pietro Bianchi - SYNGENTA ITALIA
Fabio Lombardi - LIMAGRAIN ITALIA
Massimo Bestetti - CHIMIBERG
Stefano Gardenghi - TIMAC AGRO ITALIA
Seconda parte. Le soluzioni agronomiche
Dott: Massimo Blandino - Dipartimento Scienze Agrarie e Forestali Università di Torino
Domande e risposte - modera Lorenzo Andreotti, giornalista de “L’Informatore Agrario”

 
 

IL TURISMO VENETO INCONTRA L'AGRITURISMO - MESTRE 26 FEBBRAIO

turismo veneto agriturismo

Per aggiornare gli operatori sulle nuove dinamiche del turismo veneto, conoscere i progetti messi in campo dalla Regione Veneto per la gestione e la promozione del turismo, comprendere l’andamento del settore e l’importanza dei dati statistici, Confagricoltura Veneto e Agriturist Veneto organizzano il prossimo lunedì 26 febbraio alle ore 15.30 presso la sede di Confagricoltura Veneto (Via C. Monteverdi 15 – Mestre) un incontro con i responsabili del settore turismo della Regione Veneto.
Il convegno, dal titolo “IL TURISMO VENETO INCONTRA L’AGRITURISMO”, è un’opportunità unica per far incontrare i nostri agriturismi con tutto il mondo dell’organizzazione turistica regionale.
All’incontro interverranno:
Dott. Stefan Marchioro- Progetti territoriali e governance del turismo Regione del Veneto
Dott. Renato Francescon – P.O. Agriturismo e turismo enogastronomico Regione del Veneto
Dott.ssa Carla Pesce – P.O. Statistiche economiche e programmazione Regione del Veneto
Programma completo
Invitiamo tutti i soci interessati a partecipare all’incontro. Per info: 0498223544 – clarissa.gulotta@confagricolturaveneto.it

 
Not interested any more?

Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso cookies.

Io accetto i cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information